Siria: fugge dai sequestratori dopo 6 mesi di prigionia

anhar-kochneva

Servivano 50 milioni di euro per liberare Anhar Kochneva dalle catene dei ribelli siriani. Alla fine è stata lei, giornalista ucraina sequestrata ad Ottobre scorso in Siria, a conquistarsi la libertà e raggiungere l’ambasciata del suo Paese a Damasco.

I dettagli della sua fuga non sono ancora noti, ma la sua è una storia che assomiglia a quella di altri giornalisti stranieri che oltrepassano il confine siriano. I suoi carcerieri, impegnati a combattere l’esercito di Bashar Al Assad, la tenevano prigioniera alla periferia di Homs con l’accusa di parteggiare per il regime alawita.

Iraniani e russi rimangono dei bersagli per la rivoluzione, che nei cittadini delle nazioni allineate con Damasco vedono dei collaboratori del regime. Anche la giornalista ucraina, il cui governo è filo-russo, per sua sfortuna è rientrata in queste categorie.

“Le mie cure dureranno a lungo e costeranno molti soldi, purtroppo”, ha detto la Kochneva all’agenzia di stampa russa Ria Novosti. Se non altro può ancora dirsi viva.

©carlo marsilli

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s